myWorld & Lyconet Italia! Le autorità di vigilanza comminano una sanzione di altri 3 milioni di euro che myWorld e Lyconet Italia hanno l’onore di dividersi!

Decisione (51 pagine) del 20 dicembre 2020 (si veda anche AGCM – Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato) e pubblicazione del 25.01.2021 da parte dell’AGCM (Autorità Antitrust e Autorità Nazionale della Concorrenza).

Proprio in Italia, quello che era il mercato più forte del sistema Ponzi, MyWorld e Lyconet hanno ricevuto il secondo schiaffo giuridico da parte dell’AGCM. Si veda anche:

Report Italia 25.01.2021Scarica

Decisione-Italia-22-dicembre-2020Scarica

Interessante, ma non sorprendente è il fatto che ora questo riguardi anche myWorld e Lyconet. Il tentativo di voler far credere alle autorità che myWorld non avesse nulla a che fare con Lyoness/Lyconet non ha funzionato nemmeno qui.

In altre parole, e il Signor Freidl voglia perdonare la franchezza: “Lyoness, more like LYIN ASS?“

In data 24.09.2018, l’AGCM aveva già pubblicato sul suo sito web (AGCM Pubblicazioni) che il 20 luglio 2018 era stata avviata un’indagine con riferimento PS11086 contro Lyoness Italia per pratiche commerciali scorrette, pubblicità ingannevole, violazione dei diritti dei consumatori e utilizzo di un sistema piramidale. Già all’epoca si è riscontrato…che il sistema utilizza questo sistema cashback solo come pretesto, ma nella realtà si basa sul reclutamento di un elevato numero di marketer che dovrebbero acquistare e vendere cloud.”

In quel momento, lo schema Ponzi e piramidale di Freidl aveva due mesi di tempo per rispondere, ma come si può spiegare ad un’autorità antritrust (soprattutto in modo credibile) un sistema che è già stato condannato più volte in Europa come schema Ponzi e a carattere piramidale? Esatto, non si può! Anche le autorità sono di quest’opinione.

Anche nella decisione attuale, il sistema di vendite delle due aziende myWorld e Lyconet viene“promosso in modo ingannevole e poco trasparente e presenta elementi costitutivi delle vendite a carattere piramidale.”

Si legge ancora: “L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha concluso l’istruttoria avviata nei confronti di myWorld Italia S.r.l. e Lyconet Italia S.r.l. e ha accertato la scorrettezza del sistema di vendita multilivello promosso e gestito dalle due società. Per questo motivo ha irrogato una sanzione complessiva di 3 milioni di euro.

Secondo l’Autorità il sistema di vendita di myWorld Italia e di Lyconet Italia, oltre a essere promosso con modalità poco trasparenti e ingannevoli, presenta gli elementi costitutivi delle vendite a carattere piramidale, e dunque viola gli articoli 20, 21, 22 e parte dell’articolo 23 del Codice del Consumo.
L’istruttoria svolta dall’Antitrust ha consentito di appurare che lo schema di promozione adottato dalle due società risulta solo formalmente rivolto alla diffusione di un servizio di cashback. In realtà esso è orientato a reclutare un numero sempre crescente di incaricati ai quali viene prospettato un notevole ritorno economico grazie ai diversi percorsi di carriera che richiedono il versamento di importi anche significativi per acquistare specifici prodotti e servizi del Lyconet Program, con la funzione principale di generare Shopping Points, necessari per raggiungere e mantenere i livelli previsti nel piano di compensazione.

Roma, 25 gennaio 2021“ Fonte: Decisione del 20 dicembre 2020

Nelle chat di gruppo italiane private, si abbellisce di nuovo il tutto: “adesso sta iniziando davvero” oppure “siamo solo all’inizio, l’upline ha detto che si tratta di un errore giudiziario”.

Osservazione da parte della redazione: chi asseconda questa “promessa borsistica” non si può salvare!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.