Lyoness Europe AG & Lyoness International AG in fallimento: che cosa c’è dietro?(PARTE 1)

Quando Richard Meixner, Amministratore delegato di Lyoness Italia, ha annunciato il fallimento di Lyoness Europe SAG & Lyoness International AG con un comunicato stampa il 24/10/2023, i marketer sono rimasti allibiti.
A quanto pare, anche i vari Top-Leader sono rimasti di stucco o hanno reagito in modo molto nervoso e poco obiettivo. Zoran Vitanov, ex politico macedone con un presunto background di corruzione e attuale Top-Leader, ha affermato nel suo gruppo che la notizia fosse una bufala.

“Caro Zoran, le informazioni riguardo al fallimento sono state pubblicate da Lyoness stessa per mezzo di un comunicato stampa, pertanto, la tua dichiarazione non potrebbe essere più assurda!”
Nota in merito alla reazione: non comunicate più tra di voi?


Prima di tutto, per quanto riguarda il fallimento, Hubert Freidl e la stessa IPO: il fatto che la pandemia sia stata strumentalizzata quale pretesto, è già di per sé vergognoso. Ma oltre a questo, Lyoness non può sottrarsi alla domanda su come sia possibile che l’Online-Shop non abbia prodotto alcun fatturato durante la pandemia. Altri Online-Shop hanno avuto un aumento del 70% delle vendite a causa della pandemia, proprio perché per un certo periodo è stato possibile acquistare principalmente online.

Inoltre, è risaputo che Lyoness abbia difficoltà di pagamento dal 2021, per la precisione, debiti fiscali ammontanti a 5.016.197,75 e 941.867,55 milioni di franchi svizzeri. Uno studio legale di Oslo riscuote 72.647,55 franchi svizzeri tramite un’agenzia di recupero crediti. Tuttavia, una procrastinazione del fallimento è sicuramente ancora in sospeso, poiché Lyoness, che è stata dichiarata fallita, ha concesso prestiti generosi alle società affiliate, penalizzando così i suoi creditori. È stata presentata una denuncia penale. Alcuni giorni fa, Hubert Freidl ha persino venduto il suo attico a Graz, come ci è stato comunicato da un’agenzia immobiliare. Il pubblico ministero responsabile delle indagine dovrebbe lentamente sospettare un pericolo di inquinamento probatorio.

Nel frattempo, è ormai noto che l’IPO di Hubert Freidl è esclusa. Come ci è stato riferito da persone all’interno, non vi sarà alcuna IPO. Come giustificazione, Freidl afferma che deve proteggere i suoi azionisti da un’acquisizione da parte di grandi aziende come Amazon o Alibaba. Umorismo o distacco totale dalla realtà? Le emissioni non hanno alcun valore reale, non possono essere vendute senza previo consenso e non esiste un mercato in cui possano essere scambiate. Che razza di azione sarebbe, se può essere solo acquisita dagli altri membri e solo previo consenso?!

Non sappiamo se Hubert Freidl fosse uno studente diligente a scuola, ma i compiti a casa assegnatigli dalla WKStA non sono stati svolti egregiamente.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.